Collaborazione o cannibalismo: una lettura sociologica de "il Buco"

Un "uomo lupo per altri uomini", un uomo incapace di pensare al collettivo, ma in grado soltanto di lasciare i suoi avanzi a chi è meno fortunato di lui: è questa la filosofia del film "il buco", Regia di Galder Gaztelu-Urrutia. Il buco (el Hoyo) è un film sbarcato da qualche mese su netflix, che vede come protagonisti dei carcerati che vivono all'interno di una prigione verticale, strutturata in differenti livelli. Ogni giorno i carcerati hanno a disposizione soltanto quel poco di cibo e quelle poche bevande che provengono dai piani alti, e ogni mese i carcerati cambiano livello in maniera non prevedibile, quindi possono trovarsi inaspettatamente in un livello migliore o in un livello peggi

Post recenti
Archivio

Il progetto divulgativo del blog "la medicina della povertà" affronta tematiche sanitarie e sociali nella maniera più meticolosa e scientifica possibile, senza perdere mai una visione umanitaria dei propri argomenti.
I temi proposti vengono affrontati con rigore scientifico e le fonti sono sempre citate e reperibili.


Se hai scritto un articolo inerente alle tematiche del sito, contattami via mail, se sarà ritenuto idoneo, sarà pubblicato.

Leggi le linee guida del blog.