OLOCAUSTO BIANCO: Pedofilia e pedo-pornografia

Secondo l’ISTAT nel 2010 sono stati consumati in Italia 574 atti sessuali con minorenni, a fronte dei 2815 e dei 2200 casi segnalati nel 2009 rispettivamente in Francia e nel Regno Unito, tuttavia in Italia manca una banca dati a livello nazionale che permetta una rilevazione omogenea e un sistematico monitoraggio della casistica [1] . Nella maggior parte dei casi, gli abusi sessuali sono stati commessi da persone appartenenti al nucleo familiare: padri, madri, altri parenti, nonni, nuovi conviventi, coniugi, fratelli o sorelle. Negli altri casi si tratta di soggetti esterni alla famiglia, ma comunque conosciuti, quali amici di famiglia, figure religiose, insegnanti, educatori, vicini di cas

The monster at the end of this book: IL COMMERCIO DEI BAMBINI

La penna che ha scritto il capitolo più oscuro della storia umana ha scritto forse della messa in schiavitù dell’innocenza, tra le piaghe più dolorose e meno discusse di questo secolo. Questo articolo si spinge ai confini dell’orrore umano, e, benché sia un argomento complesso e di difficile trattazione, cercheremo di affrontarlo in maniera asettica, obiettiva e lucida. La piaga del commercio dei bambini coinvolge diverse dinamiche, che vanno dalla messa in schiavitù per lavori domestici o forzati, al traffico d’organi, all’adozione illegale, alla tratta sessuale, alla vendita o al rapimento per l’utilizzo bellico (vedi l’articolo del Dott. Enrico Girmenia sui bambini soldato), fino alla mes

Anche gli squali soffrono: descrizione, analisi e prevenzione del COMPORTAMENTO SUICIDARIO

Un poeta maledetto come Baudelaire direbbe che tra gli abissi del mare e gli abissi dell’animo umano la differenza sia minima. L’articolo di oggi inizia con la citazione della canzone intitolata “Haifisch” (squalo) del gruppo metal tedesco “Rammstein”; il ritornello di questa canzone racconta di come l’apparenza imperturbabile dello squalo, re del mare, non faccia trapelare né la sua intima sofferenza né le sue debolezze. La canzone descrive di come lo squalo, una figura apparentemente forte, dura e aggressiva, possa in realtà avere un lato fragile e versare delle lacrime, anche se queste, mescolandosi con l’acqua del mare, non possono essere viste dall’esterno. L’autrice di questo articol

Il fenomeno dei BAMBINI SOLDATO e gli effetti psicopatologici dei conflitti moderni

Secondo stime degli Organismi internazionali accreditati per la tutela della salute dell’infanzia, si calcola che vi siano attualmente circa 300.000 minori impiegati nei conflitti mondiali. La maggior parte di loro ha un’età che oscilla tra i 15 ed i 18 anni, ma sono stati segnalati anche bambini di 10 anni, ed anche meno. Il continente più interessato dal fenomeno è l’Africa, con la presenza di circa 120.000 minori impegnati direttamente in operazioni militari. Ma il problema è ugualmente presente in Asia, in America latina, in Medio Oriente e nei paesi dell’Europa Orientale. Numerosi i Paesi chiamati in causa: Afghanistan, Cambogia, Colombia, Congo, Mozambico, Etiopia, Sri Lanka, Turchia,

Post recenti
Archivio

Il progetto divulgativo del blog "la medicina della povertà" affronta tematiche sanitarie e sociali nella maniera più meticolosa e scientifica possibile, senza perdere mai una visione umanitaria dei propri argomenti.
I temi proposti vengono affrontati con rigore scientifico e le fonti sono sempre citate e reperibili.


Se hai scritto un articolo inerente alle tematiche del sito, contattami via mail, se sarà ritenuto idoneo, sarà pubblicato.

Leggi le linee guida del blog.