L'UOMO come oggetto di violenza sessuale e violenza domestica

Secondo le stime nazionali, i casi di violenza sessuale e di violenza domestica nei confronti degli uomini sono numericamente inferiori rispetto a quelli rivolti verso le donne [1] [2]; tuttavia il fenomeno della violenza nei confronti del genere maschile è tutt’altro che  un evento marginale, presenta scenari molto diversi rispetto a quelli che caratterizzano la violenza nei confronti delle donne, ma è comunque meritevole di essere messo in luce e analizzato.  Ricordiamo inoltre che se un atto violento è perpetrato abusando di una condizione di inferiorità fisica o psichica della persona offesa, il sesso dell’aggressore non conta [leggi l’articolo dell’avv. Cristina Anna D’aquila sugli aspetti legali della violenza sessuale].

 

Recenti studi e campagne di sensibilizzazione stanno facendo uscire allo scoperto una casistica maschile sia di violenza domestica che di violenza sessuale finora sottostimata;  per motivi culturali, gli uomini sembra abbiano difficoltà ancora maggiori rispetto alle donne a riferire aggressioni, soprattutto di tipo sessuale [3]. Questo fenomeno subisce, più di molti altri, un importante under-reporting, ovvero le vittime di sesso maschile tendono a segnalare molto meno ciò che hanno subito, per paura di non essere creduti o di essere derisi e quindi spesso questi eventi sono sotto-riportati rispetto alla realtà [4]

 

In questo articolo distinguiamo vari sottogruppi di questo tipo di fenomeno:

1)       Atti di coercizione sessuale da parte di donne;

2)     Violenza domestica o “battered man” in coppie eterosessuali e in coppie omosessuali;

3)      Violenza sessuale su strada contro omosessuali, eterosessuali e sexual workers maschili;

4)     Episodi di stupro nelle carceri;

5)     Torture sessuali in teatri di guerra.

 

La campagna inglese Break the Silence dell'associazione Survivors Manchester [5] ha istituito un “progetto di sopravvivenza” mirato a definire una guida di auto aiuto, scritta da uomini che hanno subito un abuso sessuale. Questa associazione inoltre offre sia supporto psicologico che legale ed è collegata al S.Mary hospital di Oxford in modo da garantire alle vittime una gestione a trecentosessanta gradi.

 

Per ulteriori informazioni:

http://www.survivorsmanchester.org.uk;

http://www.stmaryscentre.org;

http://www.malesurvivor.org

http://www.lgf.org.uk;

 

#breakthesilence

Come abbiamo accennato, contestualmente all’annuncio del nuovo fondo del governo inglese mirato al supporto delle vittime di violenza, Damian Green ha lanciato una campagna governativa chiamata #breakthesilence, “rompi il silenzio”, mirata a rendere più facile, anche per gli uomini, parlare e denunciare casi di violenza sessuale [32].

 

I CASI DI UOMINI ABUSATI SESSUALMENTE DA PARTE DI DONNE

La coercizione sessuale da parte di donne è creduta poco attuabile poiché vi è la convinzione che non sia possibile per i maschi rispondere sessualmente quando sottoposti a molestie sessuali; in realtà secondo la rivista scientifica Archives of Sexual Behavior, l’erezione può verificarsi non solo previa eccitazione, ma anche in una varietà di stati emotivi, tra i quali consideriamo anche la “rabbia e il terrore” [6]. La coercizione maschile è possibile, non solo attraverso stimolazioni sessuali non volute, ma anche mediante minacce verbali o ritorsioni, mediante armi, oppure oggetti utilizzati per sovrastare la potenza corporea della vittima [7]; altre volte invece lo “stupro” consiste nell’approfittare di un uomo in stato di perdita di coscienza o di intossicamento [Vedi articolo sulle droghe da stupro] o tramite sostanze pro erezione come il viagra o similari [8]. Lo stupro è configurato anche nella forzatura degli uomini ad avere rapporti sessuali in forme a loro non gradite, come rapporti sado-maso o rapporti in corso di mestruazioni, o rapporti sessuali con altre persone, incluso sesso di gruppo o scambi di coppia [9]. Fanno parte della categoria di coercizione sessuale maschile anche i casi di pedofilia femminile [10], anche se per il momento non li tratteremo nello specifico, poiché comprendono dinamiche più complesse. Parleremo nello specifico dei profili psicologici e dei fattori di rischio degli uomini sottoposti a violenza nell'ultimo articolo del blog.

 

La violenza sessuale da parte di una donna è usualmente praticata in maniera passiva, facendosi penetrare contro la volontà dell’altro, in questo caso la parola stupro viene sostituita dal termine inglese “made to penetrate” (obbligato a penetrare) [11] [12] [13]; in un’esigua percentuale di casi, la violenza può essere eseguita anche in maniera attiva, mediante la penetrazione del maschio attraverso sex toys (dildo, strap on, vibratori etc..) oppure oggetti contundenti come bottiglie o materiali di forma analoga, o costringendo il proprio compagno/vittima a ingurgitare i propri fluidi corporei o escrementi; questo tipo di attività, anche se di bassa incidenza, sono frequenti durante l’imposizione di pratiche sessuali non convenzionali (BDSM, fetish o similari) da parte di donne affette da questa tipologia di parafilia [14].

 

Come viene percepito un uomo sottoposto a violenza sessuale da una donna.

La coercizione sessuale è considerata la più comune forma di molestia sessuale, indipendentemente dal sesso della vittima o dell’aggressore [15]. Le ricerche suggeriscono che gli uomini e le donne vittime di violenza sessuale soffrono dello stesso grado di distress [16], anche se la visione collettiva immagina nelle donne una sofferenza superiore rispetto agli uomini [17].

E’ stato anche studiato che l’aggressore di sesso femminile viene percepito “meno cattivo” e viene disprezzato di meno rispetto l’aggressore uomo [18], che è percepito come più offensivo e pericoloso.

Uno studio del 2012 pubblicato su “Feminist Criminology”, mostra che a parità di crimine, gli uomini ricevono condanne più lunghe per i reati sessuali rispetto alle donne [19], inoltre la coercizione sessuale o finanziaria in termini di percezione sociale, è vista più negativamente se fatta da un uomo rispetto che da una donna [20].

 

 "Giuditta che decapita Olofene" dipinto realizzato nel 1620 circa dalla pittrice italiana Artemisia Gentileschi.

 

 

QUANDO LE VITTIME DI VIOLENZA DOMESTICA SONO DI SESSO MASCHILE

I dati ufficiali ISTAT riportano che la maggior parte delle vittime di violenza domestica sono di sesso femminile, dunque dai dati riportati si evince che gli uomini siano gli aggressori e le donne siano le vittime [21]. In Italia tuttavia le uniche ricerche condotte sul tema della violenza e dei maltrattamenti prendono in considerazione esclusivamente la vittima di genere femminile nella fascia d’età 16 – 70 anni [22] . La letteratura scientifica internazionale, soprattutto americana, dimostra invece un numero sorprendente di uomini (fino a uno su quattro) vittime di violenza domestica, prendendo in esame sia i rapporti eterosessuali, che quelli omosessuali [23].  

 

-Scarica l’indagine ISTAT in tema di violenza domestica.

-Scarica l’indagine americana in tema di violenza domestica (The National Intimate Partner and Sexual Violence Survey)

 

In accordo con il Centro per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (CDC), più di un quarto degli uomini (28.5%) negli Stati Uniti è stato vittima di episodi di violenza fisica, psicologica, stupro, o stalking da parte del partner e un uomo su sette è stato vittima di violenze fisiche ripetute, quindi di episodi di IPV (intimate partner violence) vero e proprio [24]. Secondo questa statistica il 47,3% degli uomini eterosessuali sono stati sottoposti a violenza psicologica (aggressioni verbali o intimidazioni) da parte del proprio partner nell’arco della propria vita [25].

 

Secondo l’indagine conoscitiva sulla violenza verso il maschile [26] eseguita dal Professor Giuseppe Macrì dell’università di Siena [27], in una coppia, la violenza psicologica verso gli uomini verte sui seguenti piani:

-Il piano economico: critiche a causa di un impiego poco remunerato; denigrazioni a causa della vita modesta consentita alla partner; paragoni irridenti con persone che hanno guadagni migliori; rifiuto di partecipare economicamente alla gestione familiare;

-Umiliazioni: ridicolizzazioni e offese in pubblico; critiche e offese ai parenti; critiche per difetti fisici; critiche per abbigliamento e aspetto in generale; critiche per la gestione della casa e dei figli;

-Limitazioni della libertà: impedimenti o limitazioni agli incontri con i figli o la famiglia d’origine; impedimenti o limitazioni per attività esterne: sport, hobby, amicizie; imposizioni in merito ad aspetto e comportamento in pubblico; sincerità e fedeltà messe insistentemente in dubbio; pedinamenti o controllo degli spostamenti; controllo sul denaro speso; atteggiamento ostile circa le scelte comuni;

-Stalking: Telefonate indesiderate; invio incalzante di mail ed sms; ricerca insistente di colloqui; danneggiamento di beni; richiesta di appuntamenti non voluti; appostamenti; pedinamenti; minacce;

-Minacce trasversali, con o senza  concretizzazione: distruzione o danneggiamento di beni; atti ostili verso i figli, le persone care o gli animali domestici; minacce di suicidio o altri atti di autolesionismo;

- Separazione o cessazione di convivenza: minaccia di chiedere la separazione; minaccia di togliere casa e risorse; ridurre in rovina; minaccia di portare via o di ostacolare i contatti con i figli; minaccia di impedire definitivamente ogni contatto con i figli.

 

-Scarica lo studio del Prof. Giuseppe Macrì

 

Foto scattata da Shannon Dermody

 

Se i casi di violenza domestica diretti contro gli uomini eterosessuali ricevono scarsa attenzione mediatica [28], la popolazione LGBT (Lesbian, Gay, Bisexual, Transgender) affronta una negazione pubblica ancora più su larga scala [29],  l’inchiesta eseguita dal “National Violence Against Woman” (NVAW) ha chiarito il fatto che il 21,5% degli uomini e il 35,4% delle donne che riportano una convivenza con un partner del loro stesso sesso ha sperimentato violenza fisica [30] durante l’arco della vita.

Le ricerche suggeriscono inoltre che gli omosessuali e gli eterosessuali subiscono gli stessi identici tipi di violenza domestica [31], anche se il grado di severità degli abusi, a causa dei molteplici bias, non può essere confrontato tra i due gruppi.

 

L’organizzazione chiamata Stop Abuse For Everyone (SAFE) è una ONG americana mirata a tutelare le vittime di violenza domestica, attraverso programmi di supporto online o via telefono, campagne di sensibilizzazione e programmi di advocacy. Questo servizio è indirizzato sia alle donne quanto agli uomini, sia etero che omosessuali, nonché ai bambini e agli anziani.

Per ulteriori informazioni: http://stopabuseforeveryone.org

 

OMOSESSUALI, ETEROSESSUALI E SEXUAL WORKERS DI SESSO MASCHILE

Nel primo articolo ho riportato un caso che mi è capitato durante la mia attività di volontariato su strada: nel 2010 io e una collega abbiamo gestito le lacerazioni anali di un assistito bielorusso che era stato violentato sessualmente da parte dei clochard del suo stesso gruppo, in quanto, a detta sua, era considerato il “giocattolo sessuale del gruppo”.

Durante le attività sanitarie su strada possono capitare casi simili a questo, come casi di violenza su “sexual workers” di sesso maschile, sia etero che omosessuali [33]. Questo fenomeno di tratta sessuale è meno diffuso, e quindi meno conosciuto e studiato, rispetto quello di tipo femminile [34].

 

La prostituzione, che sia femminile, maschile o transgender, è un fattore di rischio per differenti tipi di violenza, sia perché è un’ attività segnata da profondo stigma, sia perché per definizione è costituita all’interno di un tessuto sociale di tipo criminale. Le violenze verso questi soggetti sono in parte correlate alle profonde discriminazioni legate al genere, alla razza, all’abuso di sostanze o allo stato di sieropositività [35].

La violenza verso i sexual workers, indipendentemente dal sesso, può essere sia di tipo fisico, che psicologico, che sessuale, può essere perpetrata con o senza l’ausilio di armi, e può essere individuale o di gruppo. Il numero di uomini vittime di tratta è nettamente inferiore rispetto le donne, ma non è pari a zero; allo stato attuale non ho trovato un censimento italiano circa questo fenomeno (se hai informazioni a riguardo contattami via mail in modo da completare questa parte dell’articolo).

 

Secondo stime internazionali, la violenza psicologica ed emozionale è quella maggiormente rappresentata, sia mediante umiliazioni che insulti, oppure, come nei casi di tratta, con isolamento, estorsione del denaro, o costrizione all’uso di alcol o sostanze. Dati americani riportano anche casi di incarceramento arbitrario e rifiuto di prestazioni da parte al sistema sanitario. Nelle donne sono descritti anche casi di sterilizzazione o aborto forzato [36].

La violenza verso i sexual workers di tipo transgender è un argomento discusso, ma preso poco in considerazione dall’opinione pubblica. Durante la mia esperienza clinica nel dipartimento di emergenze,  nell’arco di due anni ho avuto a che fare con tre casi di violenze su sexual workers transgender, tutti e tre pestati da piccoli gruppi di aggressori e affetti da lesioni gravi.

 

 Volantino della campagna "io sono Andrea", network contro la violenza LGBT della Croce Rossa Italiana

 

VIOLENZA SESSUALE IN PRIGIONE.

Le stime del dipartimento di giustizia americano (DOJ) [37] riportano  un’incidenza annuale di 149,200 casi di violenza sessuale all’interno delle carceri, con oltre 55,000 adulti che hanno subito violenza da parte del personale della prigione  [38].

Un’analisi multivariata eseguita in trenta carceri di dieci stati USA ha riscontrato che la maggior parte delle vittime di abusi in questo caso è di sesso maschile (72%), di orientamento eterosessuale (77%) e di razza non caucasica (60%) [39].

La definizione della violenza sessuale nelle carceri include atti o contatti non consenzienti per via orale, anale, penetrazioni o palpeggiamenti a livello delle parti intime, una ricerca eccessiva di sostanze di contrabbando della cavità anale, fino alle torture sessuali durante gli interrogatori [40]. Questo tipo di violenza è tanto maggiore quanto minore è il controllo e la tutela dei prigionieri all’interno delle carceri stesse.

 

In Italia il gruppo EveryOne (http://www.everyonegroup.com) ha raccolto le segnalazione delle violenze e coercizioni sessuali subite da detenuti di differenti carceri italiane, soprattutto in giovane età. Gli attivisti EveryOne stimano almeno tremila casi di stupro e riduzione alla schiavitù sessuale ogni anno, ed è una dato che corrisponde al 40% degli stupri totali che avvengono annualmente in Italia [41].

 

Nel 2016 un mio collega ha avuto a che fare con un ragazzo omosessuale che aveva tentato il suicidio tagliandosi i polsi. Il ragazzo proveniva da una struttura carceraria e, dopo essere stato medicato, rivelò di continui maltrattamenti da parte dei compagni di cella, i quali lo costringevano a continue prestazioni sessuali e vessazioni. Questo ragazzo dopo svariati mesi di abusi ha tentato il suicidio appunto tagliandosi i polsi con una lametta. Successivamente a questo episodio, fu disposto il trasferimento in un’altra struttura carceraria. Questo episodio è uno dei tanti, e sottolinea la difficoltà nella gestione della salute mentale  nelle carceri, che per definizione sono ambienti ad alto rischio.

 

ABUSI SESSUALI VERSO UOMINI IN CONTESTI DI GUERRA.

Una nozione importante da ricordare è che in contesti di belligeranza, la violenza sessuale, lo stupro sistematico, la tortura e la prostituzione forzata sono identificati come crimini contro l’umanità [42].

In questo caso vi è una disparità oggettiva nella gravita dello stupro tra i due sessi: se questo è mirato in maniera selettiva a donne di una etnia o nazionalità specifica, ed è eseguito in maniera sistematica, diventa a tutti gli effetti un’azione di guerra. In questo caso lo stupro non è un’azione di sfregio isolata, ma anzi mira alla sostituzione etnica e all’annientamento di una cultura intera; non a caso nel 1993 una commissione della comunità europea ha calcolato che le vittime di stupri in Bosnia Erzegovina sono state almeno ventimila, in questo caso inquadriamo la violenza sessuale come arma a scopo di genocidio [43].

 

I soprusi sui prigionieri di guerra sono contrari a qualunque norma del diritto internazionale umanitario, tuttavia in molteplici scenari bellici gli uomini possono comunque subire violenza sessuale durante la prigionia, sia condotta al fine di ottenere informazioni, sia come forma di punizione.

 

Torture sessuali dirette verso gli uomini e vietate dalle nazioni unite [44]:

-Umiliazioni verbali a indirizzo sessuale;  

-Nudità forzata, parziale o completa;

-Aggressioni fisiche: colpi o scariche di corrente ai genitali, simulazioni di stupro o stupro mediante oggetti.

 

In molteplici scenari di guerra [45] sono stati riportati casi di abusi sessuali  durante l’interrogatorio dei prigionieri [46], nonostante la convezione delle nazioni unite contro la tortura (1986/1991) abbia chiaramente proibito tali comportamenti [47] [48]. La letteratura inoltre suggerisce che le torture sessuali causino ripercussioni psicologiche molto più profonde rispetto quelle fisiche, con un’incidenza in oltre il 50%  dei soggetti, di sindrome da stress post traumatico e disturbi dell’adattamento [49].

 

 

AUTORE DELL’ARTICOLO: Dott. Marco Matteoli, medico chirurgo, specialista in diagnostica per immagini e medico volontario della Croce Rossa Italiana.

Email: marcomatteoli@email.it

REVISORE DELL'ARTICOLO: Dott.ssa Lavinia De Chiara, medico chirurgo, specialista in psichiatria e research fellow presso il Massachusetts General Hospital, Boston, MA .

Email: laviniadechiara@gmail.com   

 

SEGUI GLI ALTRI ARTICOLI DI QUESTO BLOG:

I parte: Unità di strada: cosa sono e come gestire i casi di Intimate Partner Violence e violenza sessuale.

II parte: Violenza domestica: diagnosi clinica e radiologica.

III parte: Violenza sessuale: gli aspetti legislativi.

IV parte: Le "date rape drugs" (droghe da stupro): cosa sono e come difendersi

V parte: L'uomo come oggetto di violenza sessuale e violenza domestica

VI parte: Vittime e carnefici: i profili psicologici nelle dinamiche di violenza domestica e violenza sessuale [online il 01/09/2017]

 

 

ISCRIVITI ALLA PAGINA FB E RIMANI AGGIORNATO

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

[1] Mai più! Fermiamo la violenza sulle donne. Originale: It's in our hands. (2004). London: Amnesty International

 

[2] Coker, A. L., Davis, K. E., Arias, I., Desai, S., Sanderson, M., Brandt, H. M., & Smith, P. H. (2002). Physical and mental health effects of intimate partner violence for men and women. American Journal of Preventive Medicine, 23, 260–268

 

[3]The Daily Beast. (2017). Retired Marine Reveals Secret Suffering of Male Military Rape Victims. [online] Available at: http://www.thedailybeast.com/retired-marine-reveals-secret-suffering-of-male-military-rape-victims

 

[4] AVfM Italia. (2017). FAQ sullo stupro sugli uomini. [online] Available at: http://it.avoiceformen.com/classici/faq-sullo-stupro-sugli-uomini/

 

[5] Survivors Manchester. (2017). Survivors Guide - Survivors Manchester. [online] Available at: http://www.survivorsmanchester.org.uk/breakthesilence/survivors-guide/

 

[6] Sarrel PM, Masters WH. Sexual molestation of men by women. Arch Sex Behav. 1982 Apr;11(2):117-31.

 

[7] Busch, A. L., and Rosenberg, M. S. (2004). Comparing women and men arrested for domestic violence: A preliminary report. Journal of Family Violence, 19(1), 49-57.

 

[8] AVfM Italia. (2017). Violenze sessuali femminili contro gli uomini: qualche dato. [online] Available at: http://it.avoiceformen.com/misandria/violenze-sessuali-femminili-contro-gli-uomini-qualche-dato/

 

[9] Macrì, P., Loha, Y., Gallino, G., Gascò, S., Manzari, C., Mastriani, V., Nestola, F., Pezzuolo, S. and Rotoli, G. (2012). Indagine conoscitiva sulla violenza verso il maschile. Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza, Vol. VI(N. 3).

 

[10] Sanghani, R. (2017). Female paedophiles: Why women sexually abuse children. [online] Telegraph.co.uk. Available at: http://www.telegraph.co.uk/women/womens-life/11899484/Female-paedophiles-Why-women-sexually-abuse-children.html

 

[11] Prevalence and Characteristics of Sexual Violence, Stalking, and Intimate Partner Violence Victimization—National Intimate Partner and Sexual Violence Survey, United States, 2011. (2015). American Journal of Public Health, 105(4), pp.e11-e12.

 

[12] Budd, K. and Bierie, D. (2017). Injury Matters: On Female-Perpetrated Sex Crimes. Journal of Interpersonal Violence, p.088626051771117.

 

[13] Menstuff.org. (2017). men sexually abuse as children. [online] Available at: http://www.menstuff.org/issues/byissue/sexualabuse.html

 

[14] Weierstall, R. and Giebel, G. (2016). The Sadomasochism Checklist: A Tool for the Assessment of Sadomasochistic Behavior. Archives of Sexual Behavior, 46(3), pp.735-745.

 

[15] Runtz, M. G., & O’Donell, C.W. (2003). Students perception of sexual harassment—is it harassment only if the offender is a man and the victim is a woman? Journal of Applied Social Psychology, 33(5), 963–982

 

[16] Street, A. E., Gradus, J. L., & Stafford, J. (2007). Gender differences in experiences of sexual harassment: data from a male-dominated environment. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 75(3), 464–474.

 

[17] Struckman-Johnson, C., & Struckman-Johnson, D. (1993). College men’s and women’s reactions to hypothetical sexual touch varied  by initiator gender and coercion level. Sex Roles, 29, 371–385.

 

[18] Studzinska, A. and Hilton, D. (2016). Minimization of Male Suffering: Social Perception of Victims and Perpetrators of Opposite-Sex Sexual Coercion. Sexuality Research and Social Policy, 14(1), pp.87-99.

 

[19] Embry R & Lyons Jr. PM. (2012) Sex-based sentencing: sentencing discrepancies between male and female sex offenders. Feminist Criminology, 7(2):146-162.

 

[20] Studzinska, A. and Hilton, D. (2016). Minimization of Male Suffering: Social Perception of Victims and Perpetrators of Opposite-Sex Sexual Coercion. Sexuality Research and Social Policy, 14(1), pp.87-99.

 

[21] La violenza contro le donne: Indagine multiscopo sulle famiglie “Sicurezza delle donne”. (2006). [ebook] Available at: http://www3.istat.it/dati/catalogo/20091012_00/Inf_08_07_violenza_contro_donne_2006.pdf

 

[22] Macrì, P., Loha, Y., Gallino, G., Gascò, S., Manzari, C., Mastriani, V., Nestola, F., Pezzuolo, S. and Rotoli, G. (2012). Indagine conoscitiva sulla violenza verso il maschile. Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza, Vol. VI(N. 3).

 

[23] Migliaccio, T. (2001). Marginalizing the Battered Male. The Journal of Men's Studies, 9(2), pp.205-226.

 

[24] Anon, (2017). [online] Available at: https://www.cdc.gov/violenceprevention/pdf/NISVS-StateReportBook.pdf

 

[25] http://www.centrouominimaltrattanti.org

 

[26] Indagine-violenzadomesticasulluomo.blogspot.it. (2017). Indagine sulla Violenza Domestica ai danni di soggetti maschili. [online] Available at: http://indagine-violenzadomesticasulluomo.blogspot.it/

 

[27] Macrì, P., Loha, Y., Gallino, G., Gascò, S., Manzari, C., Mastriani, V., Nestola, F., Pezzuolo, S. and Rotoli, G. (2012). Indagine conoscitiva sulla violenza verso il maschile. Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza, Vol. VI(N. 3).

 

[28] Kimberg, L. (2008). Addressing Intimate Partner Violence with Male Patients: A Review and Introduction of Pilot Guidelines. Journal of General Internal Medicine, 23(12), pp.2071-2078.

 

[29] Gay and Lesbian Medical Association. Healthy People 2010 Companion Document for Lesbian, Gay, Bisexual, and Transgender (LGBT) Health. San Francisco, CA: Gay and Lesbian Medical Association; 2001. Available at: http://www.glma.org/_data/n_0001/resources/live/HealthyCompanionDoc3.pdf

 

[30] Tjaden P, Thoennes N. Extent, nature, and consequences of intimate partner violence: findings from the National Violence Against Women Survey. Washington, DC: US Department of Justice, National Institute of Justice; 2000. P. 29–31. Report No.: NCJ 181867.

 

[31] Burke, L. (1999). Violence in lesbian and gay relationships Theory, prevalence, and correlational factors. Clinical Psychology Review, 19(5), pp.487-512.

 

[32] Thunderclap. (2017). #BreakTheSilence. [online] Available at: https://www.thunderclap.it/projects/1333-breakthesilence

 

[33] Dank, M., Lachman, P., Zweig, J. and Yahner, J. (2013). Dating Violence Experiences of Lesbian, Gay, Bisexual, and Transgender Youth. Journal of Youth and Adolescence, 43(5), pp.846-857.

 

[34] Dynes, Wayne R. (1990), "Prostitution", Encyclopedia of Homosexuality, Chicago: St. James Press, Vol 2; pp. 1054–1058

 

[35] Addressing Violence against Sex Worker. (2012). [ebook] World Health Organization. Available at: http://www.who.int/hiv/pub/sti/sex_worker_implementation/swit_chpt2.pdf

 

[36] Sex work, violence and HIV: A guide for programmes with sex workers. United Kingdom: International HIV/ AIDS Alliance, 2008. www.aidsdatahub.org/dmdocuments/Sex_Work_Violence_and_HIV_A_Guide_for_Programmes_with_Sex_ Workers_2007.pdf.pdf

 

[37] Kubiak, S., Brenner, H., Bybee, D., Campbell, R. and Fedock, G. (2016). Reporting Sexual Victimization During Incarceration. Trauma, Violence, & Abuse, p.152483801663707.

 

[38] Beck, A. J., Harrison, P. M., Berzofsky, M., Caspar, R., & Krebs, C. (2010). Sexual victimization in prisons and jails reported by

inmates, 2008-09. Washington, DC: Bureau of Justice Statistics, U.S. Department of Justice.

 

[39] Shermer, L. and Sudo, H. (2017). Fear of rape from behind prison walls. International Journal of Prisoner Health, 13(2), pp.68-80.

 

[40] Ibidem

 

[41] Everyonegroup.com. (2017). Carceri, l'incidenza del sovraffollamento e degli stupri nei suicidi.. [online] Available at: http://www.everyonegroup.com/it/EveryOne/MainPage/Entries/2010/2/27_Carceri,_lincidenza_del_sovraffollamento_e_degli_stupri_nei_suicidi..html

 

[42] Schenker, C. (2003). International humanitarian law. Berne: The Swiss Federal Department of Foreign Affairs (DFA).

 

[43] Gutman, R., Rieff, D. and Dworkin, A. (2007). Crimes of war. New York: W.W. Norton & Co.

 

[44] Sivakumaran, s. (2007). sexual violence against men in armed conflict. european journal of international law, 18(2), pp.253-276.

 

[45] Weishut, D. (2015). Sexual torture of Palestinian men by Israeli authorities. Reproductive Health Matters, 23(46), pp.71-84.

 

[46] Oosterhoff, P., Zwanikken, P. and Ketting, E. (2004). Sexual Torture of Men in Croatia and Other Conflict Situations: An Open Secret. Reproductive Health Matters, 12(23), pp.68-77.

 

[47] UN Office of the High Commissioner for Human Rights. (2004) Manual on the effective investigation and documentation of torture and other cruel, inhuman or degrading treatment or punishment (“Istanbul Protocol”)HR/P/PT/8/Rev.1 http://www.unhcr.org/refworld/docid/4638aca62.html.

 

[48] Prevention of Sexual Harassment Law. In: Israel State Law

 

[49] Romano e, de luca rv. male sexual abuse: a review of effects, abuse characteristics, and links with later psychological functioning. aggression and violent behavior. elsevier, 2001;6(1):55–78.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

BREXIT: Take back control o un ennesimo fallimento politico?

April 9, 2019

1/9
Please reload

Post recenti